Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggendo l'informativa estesa.

Prossimi eventi
  • Creative Trio Acroyoga Workshop in Roma
    SABATO 25 MAGGIO PALLESTRA CSOA FORTE PRENESTINOpresenta: Creative Trio Acroyoga Workshop in Roma ** Workshop di Acroyoga Creativo e Trio acrobatico**Acroyoga- Yoga – Giochi – Acrobalance – Thai... Leggi tutto...
  • PUNKITESI
    VENERDI 7 GIUGNO CSOA FORTE PRENESTINO PRESENTA: PUNKITESI Presentazione del libro “l’asfalto sulla pelle”Con l’autore Gennaro Shamano H:21.30 Inizio concerti H:22.30 Leggi tutto...
  • Fortopia - Storie di amore ed autogestione
    Il 1° maggio 2016 il Forte compie 30 anni. 30 anni di occupazione ed autogestione, 30 anni di azione collettiva, di progetti, di laboratori, di iniziative, di socialità, ricerca, cultura, resistenza... Leggi tutto...

60563247 452074312003893 3962043872418201600 n

60563247 452074312003893 3962043872418201600 n

GIOVEDI 23 MAGGIO

Una lingua per l'antifascismo con Action30

Programma della giornata:
Ore 11 WORKTABLE trasdisciplinare e multimediale con ACTION30 per un immaginario antifascista comune
Ore 14 Pranzo in Taverna del CSOA Forte Prenestino
Ore 18.30: TAVOLAROTONDA Ripensare immaginari e linguaggi per un antifascismo culturale del XXI secolo con ACTION30
Ore 20.30: Cena in Taverna del CSOA Forte Prenestino
Dalle 22: CATASTROPARTY dj/vjset Mash-up a/v su nuove e vecchie catastrofi con ACTION30

Programma completo e comunicato integrale nel leggi tutto

C’è un ritorno in grande stile del fascismo. Dalle Americhe all’Europa è forza d’opinione dilagante, è movimento e partito, è dentro e fuori i parlamenti, è parte integrante della democrazia, è senso comune. Ci troviamo in un momento storico in cui il fascismo una nuova posizione ce l’ha ed è condivisa in tutto il mondo. I fascisti hanno un immaginario comune, un linguaggio comune e una strategia comune e la applicano senza complessi. Noi, invece, arranchiamo poiché manca del tutto una riflessione che sappia attualizzare l’essere antifascisti oggi. L’antifascismo dei nostri giorni per costruire la sua posizione non può non fare i conti con l’evidenza che i linguaggi e gli immaginari che ci sono o c’erano non vanno più bene e non servono più. Riguardo alla questione del «nuovo», crediamo che una precisazione vada comunque fatta: costruire qualcosa di inedito non significa avere in mente l’idea banale molto in voga oggi di produzione di novità. L’idea per la quale gli esperti si mettono intorno a un tavolo e dal nulla inventano qualsiasi cosa è ingannevole. Al contrario siamo convinti che questa pretesa invenzione si fa mettendo sul tavolo simboli, testi e immagini eterogenei, per lavorare di montaggio. Per cominciare a immaginare concretamente slogan e figure pop dell'antifascismo dobbiamo infliggere “tagli” alle narrazioni epiche e monumentali con cui siamo soliti raccontarci la nostra storia. In un paesaggio di rovine, come quello dell’attuale situazione storica, non ha più senso tirare fuori dal cassetto la storia monumentale. I monumenti sono insostenibili: tolgono aria, spazio e ci fanno sentire terribilmente superflui. Con i blocchi compatti ed eretti in verticale non puoi farci granché, mentre con i resti, con i pezzi, con i frammenti sparpagliati sul tavolo, puoi creare qualcosa, inventare nuovi assemblaggi.Il worktable del 23 maggio sarà un “tavolo da lavoro” transdisciplinare e multimediale, in cui i materiali della ricerca “colta” si mescoleranno con i materiali dell’universo pop (film, pubblicità, tv, internet), al fine di permettere a “tutti” di condividere analisi e riflessioni sul mondo che ci circonda. In particolare, il collettivo Action30, attualizzando i Miti d’oggi di Roland Barthes analizzerà due processi connessi tra loro:
1. l’affermazione dell’everyman come nuovo modello sociale, in rapporto, da un lato con la crisi delle tradizionali forme di “autorità” (e di “mediazione”), dall’altro con l’emergere del “populismo culturale”;
2. la nuova configurazione antropologica della “supernormalità”, alla base tra l’altro del nesso, molto potente sul piano dell’attuale produzione d’immaginario, tra film ininterrotto della catastrofe e forme di messianismo supereroistico. Inoltre, abbiamo pensato ad un momento di discussione aperta, una tavola rotonda, in cui, a partire da quanto emergerà nel worktable della mattina, sviluppare un ragionamento più teorico su come ripensare immaginari e linguaggi per un antifascismo culturale del XXI secolo. È questa l’esperienza che vorremo condividere con tutti coloro che parteciperanno alla giornata del 23 maggio al Csoa Forte Prenestino.

Programma della giornata:

Ore 11 WORKTABLE trasdisciplinare e multimediale con ACTION30 per un immaginario antifascista comune

Ore 14 Pranzo in Taverna del CSOA Forte Prenestino

Ore 18.30: TAVOLAROTONDA Ripensare immaginari e linguaggi per un antifascismo culturale del XXI secolo con ACTION30

Ore 20.30: Cena in Taverna del CSOA Forte Prenestino
Dalle 22: CATASTROPARTY dj/vjset Mash-up a/v su nuove e vecchie catastrofi con ACTION30

 

 

 

 

 

Oggi al Forte

10:00 - 13:00
Segreteria
15:00 - 18:30
Ciclofficina
15:00 - 20:00
Segreteria
16:00 - 00:00
Sala Prove
17:00 - 21:00
segreteria pallestra
17:00 - 18:00
Pilates
18:00 - 00:00
Sala Da The
18:00 - 19:30
Yoga
18:00 - 00:00
Enoteca
19:00 - 02:00
Pub 12DeTutto
19:00 - 20:30
Karatè-Do
19:30 - 21:00
Taijiquan
20:00 - 21:30
Danza contemporanea
20:30 - 23:00
Taverna Cena
ror radioabbonamento round s

DIRITTOALLACITTALOGO

STOP-TTIP

Volantino GAP fronte

notav

antifa

logo nomuos

10x100
notriv

free gaza

NOPUP


illegale è la legge, il suo costo reale

Vai all'inizio della pagina