Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggendo l'informativa estesa.

iostocongabriele

iostocongabriele

#FreeGabrieleGabriele

#iostocongabriele
Gabriele Del Grande da giorni prigioniero in Turchia

noto attivista per il diritto alla libertà di movimento, è da giorni in stato di fermo...

 Gabriele Del Grande, animatore del blog Fortress Europe, fra i registi del film “Io sto con la sposa”, noto attivista per il diritto alla libertà di movimento, è da cinque giorni in stato di fermo in Turchia.

L’arresto è avvenuto nella provincia di Hatay, al confine tra Turchia e Siria, in un’area ad alta tensione. Non si conoscono ancora i motivi del fermo, né i tempi della liberazione di Gabriele, che da cinque giorni non ha contatti all’esterno né ha la possibilità di parlare con un avvocato.

Quanto avvenuto è l’ennesima prova del livello infimo di libertà di informazione in Turchia. Nel paese la stretta è sempre più forte, specialmente dopo il fallito golpe di luglio e i ricorrenti attentati terroristici, utilizzati per stringere il cappio intorno alla società in termini di limitazione dei diritti sociali e politici.

La situazione potrebbe farsi ancora più dura se Erdogan dovesse vincere il referendum costituzionale del prossimo 16 aprile che potrebbe conferirgli poteri quasi illimitati. Sono già centinaia i giornalisti nelle prigioni turche, mentre si contano nell’ordine delle migliaia le persone a cui è stata tolta la libertà sfruttando in maniera iper-estesa lo shock seguito ai fatti dello scorso luglio.

L’evidente illiberalità turca non è però un problema quando si tratta di stringervi accordi come quello che di fatto incarcera i migranti siriani in veri e propri campi di concentramento in Turchia, pagati e finanzati dall’Unione Europea. Questi meccanismi politici e geopolitici erano ben conosciuti da Gabriele, che li ha spesso denunciati e anche per questo motivo forse ora sta subendo questa provocazione.

Come redazione Infoaut auspichiamo l’immediata liberazione di Gabriele e ci uniamo alla voce di chi vuole riaverlo prima possibile di nuovo attivo nei suoi progetti al fianco dei migranti e per la libertà di movimento oltre ogni confine!

#FreeGabriele!
http://www.infoaut.org/index.php/blog/conflitti-globali/item/18590-

#iostocongabriele

Oggi al forte

10:00 - 20:00
segreteria
14:00 - 17:00
Corso di Swing
16:00 - 23:59
salaprove
16:00 -
Corso di Tiro Con L'Arco
17:00 - 21:00
segreteria pallestra

DIRITTOALLACITTALOGO

STOP-TTIP

Volantino GAP fronte

notav

antifa

logo nomuos

10x100
notriv

free gaza

NOPUP


illegale è la legge, il suo costo reale

Vai all'inizio della pagina