Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggendo l'informativa estesa.

21151514 1379899365441215 5477467399567246248 n

21151514 1379899365441215 5477467399567246248 n
 

Sotto la pioggia e la neve una mattinata di resistenza agli sgomberi strappa l’apertura della trattativa con la giunta Merola

La giornata di lotta è iniziata all’alba quando alle 6:30 celere e carabinieri hanno cominciato le operazioni di sgombero dell’ex Veneta appena occupata la scorsa settimana. Immediatamente 4 attivisti con i k-way rossi hanno raggiunto il tetto, mentre molti altri si radunavano nei pressi dell’edificio. Sotto una pioggia incessante e poi sotto una forte nevicata per tutta la mattina è durata la resistenza sia sul tetto che in strada. La gioia e la determinazione di lottare per gli spazi sociali di periferia ha animato entrambe le iniziative che reciprocamente si salutavano a pugni chiusi, con slogan e canti di lotta.


Alle 11:30 la giunta Merola, recependo la nostra determinazione a proseguire nonostante l’ingente quantitativo di celere e un clima decisamente polare, ha aperto alla trattativa. Mentre una nostra prima delegazione raggiungeva così Palazzo d’Accursio, i quattro attivisti sul tetto decidevano di scendere e in forte ipotermia sono saliti sull’ambulanza e sono tutt’ora in ospedale. Alla trattativa era presente il capo di gabinetto Montalto e due tecnici del Comune e dopo circa mezzora si è conclusa con l’appuntamento al prossimo 30 novembre in cui verranno considerate le proposte sia di transizione che “definitive” tra cui, ma non solo, quelle già avanzate al presidente di quartiere Ara.
Riteniamo la resistenza di oggi e l’apertura di un tavolo di trattativa non un punto di inizio e tanto meno un arrivo, al contrario quanto avvenuto è parte del più ampio percorso sociale, politico e culturale che la periferia della nostra città ha intrapreso negli ultimi anni opponendosi in modi differenti alla speculazione e allo sfruttamento.
Nei prossimi giorni le iniziative di lotta e controculturali andranno avanti e facciamo appello a tutti e tutte le solidali a continuare questo lungo viaggio intrapreso insieme per raggiungere gli obiettivi che il conflitto sociale nella nostra città si è prefissato tra resistenza e alternativa.

Crash Again and again…

#occupareTutto #StopSgomberiSfratti

Oggi al forte

Nessun evento

DIRITTOALLACITTALOGO

STOP-TTIP

Volantino GAP fronte

notav

antifa

logo nomuos

10x100
notriv

free gaza

NOPUP


illegale è la legge, il suo costo reale

Vai all'inizio della pagina