Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggendo l'informativa estesa.

FLYER WEB
FLYER WEB
Venerdì 9 Dicembre 2016
BACK 2 BLACK

 - Alle H 21.00 proiezione del Documentario "All'assalto - Le radici del Rap italiano"
e dibattito con il Regista Paolo Fazzini e alcuni dei partecipanti
- Dalle H 23.00 LIVE ON STAGE:
Laboratorio Hip Hop Meticcio (Open Act)

DJ LUGI
DON DIEGOH & ICE ONE + Very Special Guests
ALIEN DEE

BACK TO BLACK
Una serata di MUSICA e CULTURA RAP al CSOA FORTE PRENESTINO

- Alle H 21.00 proiezione del Documentario "All'assalto - Le radici del Rap italiano" 
Presentato dal regista Paolo Fazzini, MC Shark ed alcuni dei protagonisti.

ALL'ASSALTO - LE RADICI DEL RAP ITALIANO
All'assalto è un'indagine sulle radici del rap in lingua italiana, sulle posse che nacquero in giro per
l'Italia in situazioni di movimento e no, in grandi città e in piccoli centri. Sotto questa sommaria e imprecisa definizione 
mutuata dagli usa si sono raccolti gruppi musicali che ruotavano principalmente intorno a rap, reggae e raggamuffin.
Partiti dall'underground hanno guadagnato sempre piu terreno nella scena musicale nazionale con politica, controinformazione,
impegno sociale. Il racconto di "All'Assalto" va dal 1989 al 1994 e i nomi dei protagonisti di quell'epoca ci sono tutti:
Assalti Frontali, 99 Posse, Papa Ricky, Sud Sound System, AK47, Menti Criminali, Il Generale, Alberto Piccinini, David Nerattini,
MC Shark, Sa Razza Posse, Lion Horse Posse, Cuba Cabbal, Dj R, Dj Disastro e molti altri.
- Dalle H 23.00 LIVE ON STAGE: DJ LUGI DON DIEGOH & ICE ONE + Very Special Guests ALIEN DEE - The Humanoid Beatbox Musician - Opening Act: Laboratorio Hip Hop Meticcio C.S.O.A. Forte Prenestino Via Federico Delpino - Centocelle – Roma Web: www.forteprenestino.net Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tram: 5-19-14 Bus: 542-544 Metro C: fermate Gardenie e Mirti BIOGRAFIE DELLE REALTA' ARTISTICHE PARTECIPANTI DJ LUGI Luigi Pecora (8 Gennaio 1969) a.k.a. Dj Lugi, Boogie Lugi, Boogie Lou, Lugisoul o Lugi é un rapper, beatmaker,
disc jockey e breaker italiano, di origini etiopi e calabresi. É considerato uno dei più grandi promotori della cultura hip-hop a Cosenza, in Calabria e, in generale, in tutta Italia.
Nasce in Etiopia da padre italiano e madre etiope ma all'età di 5 anni a causa della guerra la sua famiglia si trasferisce a Cosenza, in Calabria. Sin da piccolo inizia ad apprezzare la musica funky, il soul, il reggae e sviluppa una grande passione per il ballo.
Tra anni '80 e '90 conosce la cultura hip-hop ed inizia a frequentare il centro sociale Gramna entrando nei South Posse. Con loro produce "1990-1994", inciso nella sala di registrazione del CSOA Forte Prenestino a Roma. Nel 1996 partecipa a "Neffa & i Messaggeri della Dopa". Due anni dopo è nell'album di debutto del beatmaker milanese Fritz da Cat e nel secondo album da solista di Neffa: "107 Elementi". Nel 1999 collabora con Fritz Da Cat in "Novecinquanta", con Master Freeze, con Gate Keepaz e con Neffa nella compilation della Kappa Distribution "Missione Impossibile".
Nel 2000 si trasferisce a Bologna dove pubblica il suo primo album solista: "Ca' Pù". Nel 2004-2005 fonda la Funky Vag Crew. Dopo un periodo di inattività riprende la sua attività artistica nel 2008 quando pubblica il suo secondo album: "Lugibello e Lugifero", per Trix Shop. Nel 2009 collabora con molti artisti calabresi e realizza con loro, sotto il nome Kalibri Kalabri, "Bidimu 'cchi n'escia", per Audioplate. Nel 2010 partecipa a "Metropolis Stepson" di The Night Skinny e nel 2011 viene pubblicato il suo brano "Soul Combination", assieme a Mama Marjas. Nel 2012 partecipa al mixtape "Il rap in Calabria". L'anno seguente produce il brano "Rincorso Dall'Alba" di Claver Gold e
nel 2014 partecipa all'album "Med'uza One" del trio funk-jazz Med'uza.
ICEONE Afrika Bambaataa, in un’intervista, dice di lui “IceOne non ha seguito l’onda della nascita dell’ hip hop ma ha contribuito a formarla,
per cui non posso che considerarlo uno dei padri di questa cultura. Lui c’era dai primi giorni”.
IceOne nasce a Torino nel 1966 e inizia la sua attività di DJ nell’82 a soli quindici anni.
Già nell’83 comincia a far risuonare il suo nome in tutta Italia, come pioniere di serate solo Hip Hop o electrofunk.
Cresciuto a Roma, vede nascere le prime aggregazioni di appassionati del genere agli inizi degli anni ‘80.
Nei primi anni ‘90 forma il gruppo dei Power Mc’s, primo progetto rap in lingua inglese e produce anche altri artisti, come i South Force, Charlie Jay e DJ Style.
Molteplici le sue collaborazioni e produzioni all’interno del mondo della musica italiana.
Dal Colle Der Fomento (di cui è elemento fondante) a Frankie Hi Nrg fino a Francesco Zampaglione dei Tiromancino e Riccardo Senigallia,
solo per citarne alcuni. Non è facile descrivere un personaggio così poliedrico, nella sua pluridecennale carriera,
se non segnalando alcune delle sue opere. L’album “B-Boy Maniaco”, primo ed unico disco a nome IceOne,
esce la prima volta nel 1995 per la Mandibola/IRMA records. Nel 1996, sempre con IRMA, esce il primo album del Colle Der Fomento,
"Odio Pieno". In entrambi i lavori partecipa anche Er Piotta. Lo stesso anno esce anche il suo primo album come DJ Sensei
dal titolo “Crescendo: The Dark Side of Funk”, progetto in cui fonde trip hop ed elettronica
con il suo amore per le colonne sonore dei film Horror. La passione per il cinema, fa si che molti brani di Ice One siano stati scelti
per essere inseriti in varie colonne sonore. Ha collaborato poi, in diverse forme (remix, produzioni, coproduzioni e concerti etc.),
anche con: Almamegretta, Otto Ohm, Niccolò Fabi, Afrika Bambaataa, Public Enemy, 99Posse, Assalti Frontali, La Pina, Esa, Ustmamò, Elisa,
Franco Califano, Tying Tiffany. Le sue produzioni e le sue selezioni musicali spaziano dall’hip hop classico a quello sperimentale;
passano dalla dubstep all’electro, dal break beat al tech-rock, dal funk al rare groove in un trip di sonorità
sempre evocativamente tendenti al dark e all’oscurità.
DON DIEGOH Crotonese di nascita e romano di adozione, si fa notare per la sua capacità di fare freestyle.
Esponente della crew Kr Massive, dopo una serie di contest vinti sia al sud che a Roma,
nel 2006 arriva secondo alla finalissima del “Tecniche Perfette”.
Il suo lavoro d’esordio, uscito a Marzo 2007, si intitola “Storie di tutti i giorni” .
Dopo questo primo album, l’attività live s’infittisce notevolmente e si espande lungo la penisola.
Molte le collaborazioni importanti e l’incontro con produttori notevoli.
I risultati di queste collaborazioni sono presenti in varie compilation e, soprattutto, in "Double Deck", album del 2008,
grazie alla collaborazione tra 49Hz, Audioplate e Tinto Brasco, dj brindisino del gruppo Fristi Mistici.
Del 2012 è invece “Radio Rabbia” realizzato in collaborazione con Mastrofabbro. Dal 2013 la collaborazione con Ice One.
La sua musica rispecchia il background dell’artista: gli studi classici, la laurea in comunicazione,
la necessità di mettere nero su bianco le proprie storie e dare un’immagine a quelle che lo sensibilizzano.
Ne viene fuori un suono classico, ricco di contenuti, senza parolacce e discorsi pseudo-gangsta.
Tematiche fondamentali, fortemente presenti anche nell’ultimo disco con Ice One, sono l’attaccamento di Don Diegoh
verso le cose a lui care: la musica, la famiglia e la terra di provenienza.
ALIEN DEE - The Humanoid Beatbox Musician - Già nei primi anni del 2000 si sentiva parlare di Alien Dee e magari si aveva la fortuna di vederlo dal vivo al Livello 57 di Bologna.... Famoso per essere stato uno dei pionieri e innovatori dell'arte del beatbox grazie alla sua originalità, musicalità e tecnica,
nonchè special guest alla prima World Beatbox Convention a Londra nel 2003; il primo incontro di Aliendee con la musica è stato
intorno agli 11 anni come pianista.
Comporre, mettere insieme note e ritmi sono stati i primi passi, le basi,
i fondamentali che oggi sono le caratteristiche del suo modo di fare musica.
A cavallo dei due millenni The Humanoid Beatbox Musician inizia ad avvicinarsi al Beatbox, allenandosi nella scomposizione ritmica e
nelle tecniche basilari di riproduzione musicale.
La possibilità di "suonare" senza bisogno di uno strumento fisico e l'estemporaneità
con cui questa arte permette di comporre musica costituiscono per lui una vera passione.
Peculiarità del suo lavoro è lo studio dei timbri sonori degli strumenti, al fine di una riproduzione quasi scientifica.
Questo suo stile lo ha portato negli anni ad essere riconosciuto come uno dei più geniali e originali beatboxers del panorama mondiale.
Da anni a il suo curriculum vanta collaborazioni di livello mondiale ed un altissimo numero di spettacoli
in tutta Italia e nelle maggiori capitali europee, collaborazioni con il CNR, spettacoli teatrali, seminari e workshop.
Le sue influenze musicali maggiori provengono dai maestri del funk, del jazz, dell'elettronica e dalla dancehall reggae. LABORATORIO HIP HOP METICCIO Nasce nel gennaio 2014 dall’incontro del progetto “Stay Real” e del laboratorio hip hop nato nell’occupazione abitativa
ex clinica Valle Ri-Fiorita a Torrevecchia. E’ un collettivo musicale composto da generazioni e anime diverse unite
dall’idea di fare un hip hop che sia cosciente e che promuova e supporti iniziative dal basso nelle strade e negli spazi sociali.
Un hip hop che non perda mai di vista il concetto di comunità e che sia in grado di prendere parola sviluppando contenuti,
prese di posizione e conflitto all'interno dei territori e del contesto in cui viviamo e agiamo quotidianamente.
Il Forte Prenestino è un centro sociale occupato e autogestito dal 1986. E’ un centro sociale, un luogo di socialità, incontro, divertimento e organizzazione del tempo collettivo, di scambio di idee, visioni,
energie e di saperi. Il Forte sperimenta un'organizzazione del proprio spazio e delle proprie attività basata sulla libera associazione
di individui uniti/e da una progettualità e da un'etica condivisa.
E' per questo che il forte sperimenta il non-lavoro e modelli di vita autogestiti,
sperimenta un’altra socialità e un'altra economia perché è parte una realtà immensa e variegata,
di chiunque combatta ogni giorno perchè sia possibile un altro mondo, fatto di individui liberi/e uguali e solidali.
Per questo il forte è antifascista, antisessista, antirazzista, antiproibizionista

Oggi al forte

DIRITTOALLACITTALOGO

STOP-TTIP

Volantino GAP fronte

notav

antifa

logo nomuos

10x100
notriv

free gaza

NOPUP


illegale è la legge, il suo costo reale

Vai all'inizio della pagina