Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggendo l'informativa estesa.

60894721 1258394044334865 1985319718856163328 n

60894721 1258394044334865 1985319718856163328 n

SABATO 25 MAGGIO 2019 Ci riprovano. Ancora una volta Forza Nuova annuncia di voler metter piede a San Lorenzo. Ancora una volta, lo fa speculando sulla tragedia di Desirée Mariottini. Ancora una volta, verrà respinta. Com’ è accaduto a fine Ottobre, quando più che a San Lorenzo, finirono sulle banchine di Porta Maggiore. O qualche giorno fa. Volevano arrivare alla Sapienza, sono finiti a Castro Pretorio a prendere insulti dai balconi.


Un gruppo di una trentina di frustrati cui viene garantita agibilità dalle forze dell’ordine e da un Ministro degli Interni che non disdegna di strizzare l’occhio anche a queste frange di provocatori nostalgici. Un gruppo di frustrati che, se privati di questi rari momenti di visibilità, non avrebbe ragion d’esistere.
In un contesto in cui soffia forte il vento dell’intolleranza, della guerra tra poveri, dell’odio per il diverso, fortemente fomentato dalle politiche razziste e repressive del governo gialloverde, è fondamentale che gli antifascisti e le antifasciste prendano parola con forza sempre maggiore e contrastino concretamente ogni
manifestazione d’odio ed intolleranza. Infatti il dato preoccupante non è quello di questo gruppetto di “disadattati” che reitera come una coazione a ripetere le sue stanche liturgie. Il dato preoccupante è quello dell’aggressione ad opera del governo contro San Lorenzo e più in generale contro ogni realtà che sia
espressione di dissenso nel nostro paese. Il dato preoccupante sono le minacce di sgombero contro le realtà sociali, la polizia impiegata per rimuovere striscioni dalle finestre, le maestre sospese perché i loro studenti hanno criticato il Ministro Salvini. E’ per questo che oggi assume ancora più valore la nostra resistenza.

Ancora una volta, siamo dunque chiamati a difendere il quartiere di San Lorenzo dalle provocazioni dei fascisti. Non riteniamo di dover ribadire ulteriormente l’identità orgogliosamente antifascista di San Lorenzo. E’ affermata dalle piazze piene che ad ottobre si opposero a Forza Nuova, parlando di antisessismo, antirazzismo e solidarietà. E’ affermata dalle decine di associazioni, spazi sociali e reti solidali. E’ affermata dalle numerose iniziative quotidiane diffuse sul territorio.

Chiamiamo la Roma solidale ancora una volta a San Lorenzo, sabato 25 ad attraversare il quartiere e a partecipare a tutti gli eventi che dalle 10 di mattina si svolgeranno nel quadrante “via dei lucani – scalo san lorenzo” per una giornata in cui ribadire l’identità antifascista di questo quartiere e di questa città.

San Lorenzo Antifascista

Ore 10: 00 -> Presidio femminista, antifascista e solidale con Non Una Di Meno - Roma
https://www.facebook.com/events/2177618869194695/?ti=as

Ore 15 -> Attività e Workshop a cura di Communia
https://www.facebook.com/events/648533688902303/

Oggi al Forte

Nessun evento
ror radioabbonamento round s

DIRITTOALLACITTALOGO

STOP-TTIP

Volantino GAP fronte

notav

antifa

logo nomuos

10x100
notriv

free gaza

NOPUP


illegale è la legge, il suo costo reale

Vai all'inizio della pagina