Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggendo l'informativa estesa.

mobilitazioni

  • Nessuna campagna elettorale sul corpo delle donne

    26804560 391657657958635 6380155939746083743 n

    26804560 391657657958635 6380155939746083743 n
    VENERDI 26 alle ore 17 presso LARGO AGOSTA!

    NESSUNA CAMPAGNA ELETTORALE SUL CORPO DELLE DONNE.
    L'UNICA RISPOSTA ALLA VIOLENZA È L'AUTODETERMINAZIONE!

    Manifestazione femminista di sole donne e soggettività LGBTQI

  • NESSUNO SPAZIO AI NAZIFASCISTI DI FORZA NUOVA A MONTESACRO

    31631990 2113996105510390 4846647207991967744 n

    31631990 2113996105510390 4846647207991967744 n
    SABATO 5 MAGGIO 2018

    MOBILITAZIONE A PIAZZA SEMPIONE (montesacro) presso la lapide dei partigiani alle 15:00

  • NO - TRIV

    logo notriv
    logo notriv
    Tutt@ siamo chiamat@ a difendere il nostro mare.

    Hashtag #Notriv
    leggi il
    Il comunicato stampa del Coordinamento No Triv Basilicata all'indomani della consultazione referendaria.

  • NO ONE IS ILLEGAL - REFUGEES WELCOME

    GRAFICA VERTICALE ROMA
    GRAFICA VERTICALE ROMA
    Venerdì 26 Febbraio 2016

    Il Csoa Forte Prenestino e ArtistsInActionpresentano:

    NO ONE IS ILLEGAL -
    REFUGEES WELCOME

    Due serate (Roma e Milano) che, attraverso proiezioni video testimonianze dirette e musica elettronica,vogliono supportare Artistsinaction,un progetto nato da artisti e attivisti coinvolti in diverse campagne umanitarie a Calais come a Dunkerque.

  • No Pentagono! Manifestazione Per Il Parco Archeologico 100celle

    32875994 1326969287404693 7644842143915180032 n

    32875994 1326969287404693 7644842143915180032 n

    SABATO 2 GIUGNO 2018
    PENTAGONO NO!
    MANIFESTAZIONE CONTRO L'ALLARGAMENTO MILITARE
    AL PARCO ARCHEOLOGICO DI CENTOCELLE

    10:30 Passeggiata e biciclettata da piazzale delle Gardenie verso il Parco Archeologico

    13 Pranzo sociale a sottoscrizione libera

    17:30 Visita guidata alle bellezze e criticità del parco

    Durante il pomeriggio:
    __Baretto ristoro
    __Dj set El Pinche Perro X Moebius Ohba X Curandera
    __Inteventi sull'impatto ambientale dei militari
    __Reading poetico
    __Warner circus
    __Titubanda
    __Gruppi musicali della sala prove autogestita 100rec
    __Djset
    __Sport popolare (allenamenti e lezioni di prepugilistica, dance contact e acroyoga)


    "Il Parco è in parte abbandonato, inquinato e poco accessibile, e si trova al centro di una delle aree più densamente popolate e cementificate d’Italia, fra i quartieri di Centocelle, Quadraro, Torre Spaccata, Cinecittà. Potrebbe essere bonificato e tornare ad essere una risorsa sociale e ambientale per tutti. Ma i piani per ora sembrano essere altri…

    Non bastava il “Comando Operativo di Vertice Interforze”, già presente nell’area dell’ex Aeroporto di Centocelle, struttura che organizza le missioni militari nelle aree di guerra.

    Tra il Ministero della Difesa, Comune di Roma, V Municipio sono in corso accordi, per il progetto del cosiddetto “Pentagono Italiano”, grazie alla sottrazione al Fondo destinato alle periferie di 2,6 miliardi di Euro. Tale progetto consiste nell’estensione delle attuali strutture militari presenti sul Parco (l’ex-aeroporto Centocelle), con sottrazione di numerosi ettari all’utilizzo pubblico e con la realizzazione di un polo per il comando unico di tutte le forze armate italiane. Secondo le poche informazioni fornite dal ministero della difesa, entro fine 2017 era previsto l’arrivo di 3000 unità tra militari e dipendenti del ministero.
    Quindi una maggiore militarizzazione costante dell’area, difficoltà di mobilità, aumento dell’inquinamento elettromagnetico, col rischio che l’intero Parco finisca per essere interdetto alla popolazione.
    Noi non vogliamo essere vicini di casa di chi da anni è responsabile di morti, distruzioni, esodi di massa, come sta facendo l’esercito italiano con la sua partecipazione a una guerra continua, le cui vittime principali sono popolazioni civili come noi.
    Riprendiamoci il parco! E agiamo con determinazione per informare la popolazione: se non lo facciamo noi, nessuno lo farà al posto nostro. Perché un luogo di serenità, gioco e distensione non si trasformi in una base di morte."

  • NO TAP

    NO TAP

    NO TAP
    Fermiamo lo scellerato progetto del gasdotto Trans Adiatic Pipeline

  • NON SEI SOLA

    lucha

    lucha
    La CASA DELLE DONNE LUCHA Y SIESTA c'è!

    Le operatrici sono reperibili h24 per colloqui telefonici al numero 3291221342

    o attraverso mail all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Attivo inoltre un canale diretto via chat attraverso l'account facebook LUCHA Y SIESTA

  • Non sia mai Pillon! 23.07 Tutt* a Montecitorio

    67374945 1324053501082847 7734245972695318528 n

    67374945 1324053501082847 7734245972695318528 n
    BLOCCHIAMO IL DDL PILLON - MARTEDI 23 LUGLIO H 15 TUTT* A PIAZZA MONTECITORIO
    #NonsiamaiPillon

    il Ddl Pillon sulla riforma della separazione e dell'affido verrà licenziato dalla Commissione Giustizia. Il passaggio successivo è l'approvazione in Parlamento.

  • Non una di meno! Manifestazione Nazionale - Roma 26 Novembre 2016

    nonunadimeno banner blog contorno1
    nonunadimeno banner blog contorno1
    Manifestazione nazionele 26 Novembre 2016 tutte a Roma!
    Tutte insieme contro la violenza maschile sulle donne
    Non una di meno!

  • NonUnaDiMeno Roma: Sciopero globale 8 marzo 2019 #NoiScioperiamo

    52259294 1212357732252425 1322310243052421120 o

    52259294 1212357732252425 1322310243052421120 o
    L’8 marzo, in ogni continente, al grido di «Non Una di Meno!» sarà sciopero femminista. Interrompiamo ogni attività lavorativa e di cura, formale o informale, gratuita o retribuita. Portiamo lo sciopero sui posti di lavoro e nelle case, nelle scuole e nelle università, negli ospedali e nelle piazze. Incrociamo le braccia e rifiutiamo i ruoli e le gerarchie di genere. Fermiamo la produzione e la riproduzione della società. L’8 marzo noi scioperiamo!

  • NONUNADIMENO verso il 28 settembre 2017

    nonunadimeno 21 giu 2017

    nonunadimeno 21 giu 2017
    GIOVEDI 21 settembre alle 18 - sotto la sede de Il Messaggero in via del Tritone 152 le donne scendono in strada

    per continuare a ribadire che Le strade sicure le fanno le donne che l'attraversano


    Dopo un'estate in cui ancora una volta la violenza maschile sulle donne è stata oggetto di campagne mediatiche razziste in cui i nostri corpi sono stati usati per giustificare politiche contro le persone migranti, le deportazioni e la costruzione di nuovi lager al di là del mediterraneo, siamo arrivate a settembre e vediamo comparire sui media anche la colpevolizzazione delle donne che subiscono stupri.

    E' proprio di questi giorni la campagna lanciata da Il Messaggero che addirittura propone un "manuale" di comportamento per le donne.
    Scomodata anche la docente Scaraffia che, senza vergogna, ha imputo alle femministe di aver spinto le giovani donne alla "libertà dal loro destino biologico" negando "l'idea che le donne avessero bisogno di protezione" maschile.

    Per il resto la campagna consiste nella solita trita riproposizione di
    politiche securitarie: telecamere, militarizzazione delle strade, "locali sentinella", taxi, lampioni. Se proprio volete due lampioni in più in città servirebbero!!!

    In avvicinamento alla grande mobilitazione mondiale femminista del 28 settembre

    GIOVEDI 21 settembre alle 18 - sotto la sede de Il Messaggero in via del Tritone 152 le donne scendono in strada per continuare a ribadire che

    Le strade sicure le fanno le donne che l'attraversano con la solidarietà, il guardarsi a vincenda, l'autodeterminazione e l'autodifesa.

    Invece di dettare regole alle donne per non essere stuprate, insegnate agli uomini a non stuprare.

    La violenza sulle donne la fanno gli uomini non ha confini nè
    passaporto nè classe.

    Non Una Di Meno - Roma

  • NOTAV -La Valle non si arresta -si parte e si torna insieme

    valle2
    valle2

    SI PARTE E SI TORNA INSIEME - LA VALLE NON SI ARRESTA!

    http://www.notav.info/

     

  • NUOVO INCONTRO CITTADINO X CASALE FALCHETTI

    casalefalchetti
    casalefalchetti
    Venerdì 12 febbraio 2016 - ore 18:00
    presso l’ex Casale Falchetti  
    in Viale della Primavera 319/b

    Il Dup S-Tronca Roma, stronchiamo il DUP insieme

    Appello per una riunione e mobilitazione cittadina

    NOI SIAMO A CREDITO!

  • Occhi aperti sulla Palestina

    photo 2021 06 18 10 19 10

    photo 2021 06 18 10 19 10
    MERCOLEDI 23 GIUGNO 2021. Occhi aperti sulla Palestina. APPUNTAMENTO ORE 19:00 A PIAZZA DEI MIRTI. Una serata esperienziale dove giochi sul potere e simulazioni teatrali ci aiuteranno a scoprire le dinamiche oppressive in atto in Palestina. Attraverso teatro dell'oppresso, installazioni, reading poetico, musica e cibo palestinese potremo interagire in modo creativo e confrontarci con persone provenienti dalla Palestina.

  • ODIO IL CARCERE!

    2016 odio il carcere web

    2016 odio il carcere web
    Sabato 31 Dicembre 2016
    presidio al carcere di Rebibbia

    Portiamo solidarietà alle persone detenute,
    porta un libro, compra una Scarceranda e . . .dalle ore 10:00

  • Ogni tempesta comincia con una singola goccia. CIAO ORSO!

    orsetti 4

    orsetti 4
    Ciao, se state leggendo questo messaggio è segno che non sono più a questo mondo.

    Beh non rattristatevi più di tanto, mi sta bene così; non ho rimpianti, sono morto facendo quello che ritenevo più giusto, difendendo i più deboli e rimanendo fedele ai miei ideali di giustizia, uguaglianza e libertà. Quindi nonostante questa prematura dipartita, la mia vita resta comunque un successo e sono quasi certo che me ne sono andato con il sorriso sulle labbra. Non avrei potuto chiedere di meglio.
    Vi auguro tutto il bene possibile e spero che anche voi un giorno (se non l'avete già fatto) decidiate di dare la vita per il prossimo, perché solo così si cambia il mondo. Solo sconfiggendo l'individualismo e l'egoismo in ciascuno di noi si può fare la differenza. Sono tempi difficili, lo so, ma non cedete alla rassegnazione, non abbandonate la speranza; mai! neppure un attimo.
    Anche quando tutto sembra perduto, e i mali che affliggono l'uomo e la terra sembrano insormontabili, cercate di trovare la forza, di infonderla nei vostri compagni.
    È proprio nei momenti più bui che la vostra luce serve.
    E ricordate sempre che 'ogni tempesta comincia con una singola goccia'. Cercate di essere voi quella goccia.
    Vi amo tutti spero farete tesoro di queste parole. Serkeftin!
    Orso,
    Tekoser,
    Lorenzo.
     
  • Per la libertà e la pace in Medio Oriente difendiamo il Rojava

    4256122 48837

    4256122 48837
    15 FEBBRAIO 2020. Roma. Appuntamento alle 14:00 a Piazza Della Repubblica.

    Da 21 anni il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan è sequestrato nell’isola-carcere di Imrali, in condizione di totale isolamento. Lo scorso anno, grazie alla pressione esercitata dallo sciopero della fame iniziato dalla deputata dell’HDP (Partito Democratico dei Popoli) Leyla GÜVEN e sostenuto da migliaia di prigionier* politic*, per pochi mesi i famigliari e gli avvocati sono riusciti ad avere accesso all’isola di Imrali. Ciò è durato poco. Dal 12 agosto 2019, Öcalan e gli altri tre prigionieri sono nuovamente isolati dal mondo esterno.

    Negli incontri che in quel breve periodo si sono svolti, Abdullah Öcalan ha fatto ancora una volta concrete proposte per una soluzione politica della questione curda e dato la sua disponibilità per contribuire a un processo che, sulla base della democratizzazione, porti la pace in Medio Oriente, dimostrando di avere un ruolo importante nel far fronte alla situazione attuale che vede venti di guerra ancora più forti e che coinvolgono sempre più territori, dalla Siria fino alle porte di casa dell’Italia e dell’Europa, in Libia.

    La proposta di un sistema democratico multietnico basato sulla parità di genere e sull’ ecologia, come quello realizzato nel Nord – Est della Siria, dove tutti i popoli della regione hanno combattuto per ricercare un modello amministrativo laico, democratico ed egualitario fa paura alle potenze regionali. L’ esperimento del Confederalismo Democratico va quindi difeso dall’ invasione turca e dalla pressione delle potenze globali.

    Intanto in Turchia aumenta la repressione con il preciso obiettivo di mettere a tacere qualsiasi opposizione democratica. Occupando interi territori in Medio Oriente, Erdogan sta distruggendo la storia e l’identità culturale, provocando esodi di massa di intere popolazioni. Catastrofi umanitarie, come quelle provocate in Siria (ad Afrin prima, a Serekaniye e Gire Spi ora) invase, saccheggiate e occupate da turchi e alleati jihadisti sono la dimostrazione della barbarie del regime di Erdogan che espande le sue mire a tutta l’area del Mediterraneo orientale. L’ invio di mercenari islamisti in Libia è uno strumento col quale esercitare maggiore pressione sull’ Europa, giocando la carta dei profughi e delle risorse energetiche.

    È ora più che mai necessario, per la pace in Medio Oriente, far sentire la nostra voce contro il fascismo neo-ottomano di Erdogan. Porre fine all’ isolamento di Abdullah Öcalan significa dare una prospettiva di pace e di democrazia a tutti quei territori martoriati da decenni di guerra, distruzioni e milioni di profughi.

    Il 15 febbraio, da Strasburgo a Roma, si terrà la annuale manifestazione europea per chiedere la sua liberazione.

    Difendiamo il Rojava per la libertà e la pace in Medio Oriente

    Libertà per Ocalan e per tutte e tutti i prigionieri politici

    Ufficio Informazione del Kurdistan in Italia , Comunità Curda di Italia , Centro Socio-Culturale Curdo ARARAT, Rete Kurdistan Italia

  • PER UNA MOBILITA’ SENZA CONFINI E SENZA SFRUTTAMENTO: APPELLO PER UN CORTEO NAZIONALE.

    2016 11 12 manifestazione braccianti
    2016 11 12 manifestazione braccianti
    PER UNA MOBILITA’ SENZA CONFINI E SENZA SFRUTTAMENTO: Mobilitazione Nazionale 12 Novembre 2016

  • PORTA LA MAGLIETTA E NOI TE LA STAMPAMO!

    banner0stile
    banner0stile
    Martedì 16 febbraio 2016
    La Serigrafia 0style ad Auro e Marco

    dalle 19:00 alle 21:30 ci sará un work shop di serigrafia aperto a tutte e tutti.
    Condividi, partecipa e sostieni il CSOA AURO E MARCO.
    LA STORIA NON SI TRONCA
    AURO E MARCO NON SI TOCCA

  • Prendere posizione. Esprimere solidarietà e vicinanza.

    FORTE tondo

    FORTE tondo

    Questo è quello che come centro sociale occupato e autogestito ci sentiamo di fare.

    Non racconteremo i fatti, che sono stati ampiamente resi pubblici, ci dissociamo dai processi mediatici e dalle esecuzioni di pubblica piazza.
    Non abbiamo bisogno di aggiungere nessun dettaglio a quello che sappiamo per decidere di allontanare dal nostro spazio una persona che ha agito fatti per noi intollerabili e per questo politicamente non possiamo non prendere posizione rispetto a questa vicenda.

Oggi al Forte

10:00 - 13:00
Segreteria
11:00 - 13:00
Acrobatica aerea
15:00 - 20:00
Segreteria
16:30 -
Ciclofficina
17:00 - 18:00
Pilates
17:00 - 17:45
Micro Circo
17:30 -
Serigrafia
18:00 - 19:00
Circo ragazzi
18:00 -
Enoteca
18:30 -
Sala da the inTHErferenze
18:30 - 20:00
Zhineng Qigong
18:30 -
Pub "Dodici DeTutto"
19:00 - 20:30
Viet Vo Dao
19:30 - 20:30
Boxe
19:30 -
Taverna
20:00 - 21:30
Yoga
20:30 - 22:00
Pole Dance
20:30 - 22:00
Acrobatica aerea
ror radioabbonamento round s

DIRITTOALLACITTALOGO

DIRITTOALLACITTALOGO

STOP-TTIP

STOP-TTIP

Volantino GAP fronte
Volantino GAP fronte

notav

notav

antifa

antifa

logo nomuos

10x100
10x100
notriv
notriv

free gaza

NOPUP

NOPUP


illegale è la legge, il suo costo reale

illegale è la legge, il suo costo reale

Vai all'inizio della pagina